Il Mare Di Tutti 2018-03-06T15:13:40+00:00

PROGETTO “IL MARE DI TUTTI”

Il progetto IL MARE DI TUTTI, promosso dall’associazione Sant’Erasmo Nautilus Onlus di Palermo, in compartecipazione con Marevivo e Crismed, con punta a realizzare contesti di socializzazione e di partecipazione della popolazione disabile all’interno di nuovi percorsi naturalistici in mare.
In tal senso, si vuole recuperare un antico equilibrio tra natura e cultura in cui la natura si offre con il suo ambiente marino al disabile come un ambiente amicale in cui esperire la propria diversità.

All’interno di questa nuova prospettiva, il soggetto disabile è condotto a pensare alla propria condizione di handicap non come uno svantaggio fisico o psichico quanto piuttosto a vederlo come un elemento di differenziazione rispetto all’altro ma anche di specificità da cui partire per la costruzione della propria individualità.

Il soggetto disabile è chiamato a sperimentare un nuovo ambiente con nuovi stimoli sensoriali, il vento, il silenzio, il costante riequilibrio del corpo, un’esperienza fortemente emotiva e personale. L’ambiente marino offre pertanto nuovi scenari, in cui il soggetto disabile può confrontarsi e relazionarsi con gli altri, che possono proporsi come una tappa fondamentale ed utile alla realizzazione della propria personalità grazie alla crescita fisica, emotiva e sociale che da ciò deriva.
La diversità è allora da intendersi come valore aggiunto alla persona e non come un limite; come elemento di distinzione che condurrà confrontarsi con la realtà in maniera altra rispetto alla consuetudine.

SCARICA L’INTERO PROGETTO “IL MARE DI TUTTI”

L’Imbarcazione

Il progetto “IL MARE DI TUTTI” prevede la realizzazione di un’imbarcazione ad hoc per disabili. La stessa è intesa come strumento per la fruizione del nuovo ambiente diventa una spazio di relazione. In uno spazio compresso in cui il disabile si confronta con l’Altro di cui non conosce i ruoli ma con cui è chiamato a collaborare.
Un disabile che va in barca dimentica i limiti oggettivi che costituiscono la sua disabilità e si integra nell’equipaggio.
La barca diventa in questo modo un acceleratore sociale, un moltiplicatore delle dinamiche di gruppo che innesca processi di integrazione.

Il progetto IL MARE DI TUTTI intende, dunque, utilizzare l’imbarcazione come strumento relazionale e sociale volto al superamento delle barriere culturali imposte ai disabili.

L’imbarcazione potrà accogliere anche soggetti con alti livelli di disabilità motorie diventerà una palestra per la conoscenza della natura dell’ambiente marino e della storia e cultura a lui connessa ma non solo.
I portatori di handicap fisico, inoltre, si cimenteranno in attività subacquee imparando a conoscere un nuovo modo di vivere la propria disabilità.

Progetto barca Sant'Erasmo Nautilus Onlus