UN MARE D’UNIONE

L’obiettivo che il nostro progetto si pone è di natura didattica, interpretata però alla luce del divertimento e della profonda condivisione, il tutto in un contesto di piena inclusione sociale e culturale.

In un’estate segnata dai postumi di un lungo lockdown, all’insegna del distanziamento sociale e dell’isolamento, l’Associazione ha deciso di muoversi con la finalità di tornare a costruire dei momenti di condivisione, di unione e di inclusione per i ragazzi, disabili e non, di età compresa tra i 14-30 anni con disabilità tali da non richiedere la presenza di tutor. Per ogni incontro si possono accogliere circa 20 persone. Per coloro i quali hanno necessità di ausili mobili per deambulare, non ci sono preclusioni. Le attività sono rivolte ai ragazzi con disabilità che fanno riferimento alla nostra associazione e a tutte quelle della cittadinanza di Palermo e dintorni.

Nello specifico la nostra volontà e il nostro impegno sono volti ad organizzare una rassegna di incontri mattutini nell’ottica dell’intrattenimento, che abbiano come argomento l’universo marino e della navigazione, la passione e le avventure degli uomini di mare e la letteratura ad esso dedicata.

Questo progetto si inserisce nel quadro delle attività che l’Associazione Sant’Erasmo svolge costantemente da anni, ed è propedeutico alla realizzazione del nostro progetto pilota, “il Mare di Tutti” che ha come scopo quello di spostare il palcoscenico della grande avventura dalla terra ferma al mare aperto, consentendo ai nostri ragazzi di conoscere il mare non solo attraverso voci, immagini e racconti ma, vivendolo liberamente in prima persona, navigando su una imbarcazione pensata per ospitarli in tutta comodità e sicurezza.

Il Nautoscopio, rinomata struttura ricettiva che si affaccia sul golfo della Cala di Palermo, ospiterà nei propri spazi esterni, lo svolgimento di questi incontri. La sicurezza verrà garantita attraverso un ingresso contingentato previa prenotazione obbligatoria, che consentirà di regolare l’afflusso di pubblico e mantenere una gestione più appropriata dei distanziamenti. Le attività sopra citate saranno rese possibili grazie all’intervento di relatori, che organizzeranno le proprie unità didattiche, distribuendo brochure inerenti gli argomenti degli incontri previsti.

Nello svolgimento dei loro compiti, i relatori nel loro compito godranno del supporto dell’amplificazione voce, e per la diffusione di immagini e slides di uno schermo LEDWALL, collocato con un sistema simpatico e innovativo a bordo di una Ape Piaggio, un servizio fornito dall’agenzia Apeled Communication. Ogni unità narrativa avrà idealmente una durata di 30 minuti e si alternerà ad altri interventi di natura ludica. Il progetto è naturalmente aperto alla partecipazione di tutte le onlus e dei loro iscritti. Le attività, una volta definite, avranno cadenza settimanale e inizieranno presumibilmente l’ultima settimana di agosto, per concludersi nella prima decade di settembre 2020, con date ancora da stabilirsi, per un totale di 4 incontri previsti.

A completamento e ufficializzazione del programma definitivo, l’iniziativa sarà promossa attraverso media (Tv, Radio e Stampa) e social network (presso profili, pagine e gruppi delle associazioni ONLUS).